CERIMONIA DI SCAMBIO DEGLI AUGURI – 8 GENNAIO 2012

E’ con piacere ed onore che mi rivolgo a tutti voi, a nome delle autorità comunali, in occasione  della tradizionale cerimonia per lo scambio degli auguri per l’anno appena iniziato.

Il 2011, ce ne siamo accorti tutti, è stato un anno avaro di note liete.

Parecchi sono stati gli eventi che – seppur lontani – hanno avuto, chi più chi meno, delle ripercussioni che ci toccano da vicino. A questo proposito credo che: “a volte le immagini dicano più delle parole”! (video con sonoro)

Un terribile terremoto-tsunami ha sconvolto il Giappone causando, oltre ad una grande distruzione e ad un’ingente perdita di vite umane, destabilizzanti incertezze sulla tenuta della centrale nucleare di Fukushima e dando inizio ad un’inversione di tendenza epocale sul fronte energetico, anche in Svizzera.

Nel nord-Africa sono scoppiate le rivolte contro i regimi di Tunisia, Egitto e Libia, dando vita alla cosiddetta “primavera araba” che ha mobilitato i popoli portando alla destituzione di Ben Ali, Mubarak e alla morte di Gheddafi.

Sulle sponde italiane del Mediterraneo si è riversato un altissimo numero di profughi, causando per l’intero anno un netto incremento del flusso migratorio, che ha raggiunto ed impegnato in prima linea proprio i servizi del nostro Comune, nonostante il tema sia di chiara competenza federale. Su questo tema, il Municipio di Chiasso ha preso subito posizione con il Consiglio Federale. Il riscontro non è purtroppo stato dei più solleciti e puntuali, anzi. Ma il nostro Comune si aspetta delle risposte e degli aiuti concreti. Pur nel pieno rispetto della dignità di ogni essere umano e della tradizionale accoglienza elvetica, Berna deve trovare delle soluzioni più conformi alla sistemazione dei richiedenti l’asilo sul territorio svizzero.
Nel mese di aprile, un atto terroristico porta lo sgomento a casa nostra: tre giovani ticinesi muoiono a Marrakesh e un’altra ragazza rimane gravemente ferita, vittime innocenti di una violenza cieca e per noi inimmaginabile.

Sul fronte dell’economia, la situazione finanziaria mondiale prosegue nella sua corsa al ribasso, che si protrae ormai dal 2008, con inevitabili conseguenze negative anche nel nostro Paese.

La forza del franco svizzero – o meglio la debolezza dell’euro, che in agosto raggiunge quasi la parità – crea grosse difficoltà ai nostri commerci e al nostro turismo. L’introduzione del cambio fisso a 1.20 da parte della Banca nazionale permette di tirare un sospiro di sollievo, ma non è sufficiente al rilancio.

In Europa intanto esplode il problema del debito pubblico: dapprima la Grecia poi il Portogallo e la Spagna, dove nascono i movimenti degli “indignados”.

Inoltre, l’ulteriore aggravarsi della crisi del settore bancario europeo, con diversi istituti che necessitano di ricapitalizzazione impedisce la ripresa dell’eurozona, condizione indispensabile per far ripartire l’economia.

Anche l’Italia viene messa sotto pressione; in novembre cade il governo Berlusconi e si insedia il governo tecnico guidato da Mario Monti.

I rapporti del nostro paese con l’Italia destano parecchia preoccupazione e rimangono molto tesi. Trattative ufficiali in merito agli scottanti dossier sugli accordi bilaterali e sul ristorno dei frontalieri non riescono a decollare.

Questi a grandi linee gli avvenimenti che hanno contraddistinto il 2011. Non credo serva la sfera magica per affermare che questi trend li ritroveremo anche nel 2012.

Vorrei ora girare pagina e guardare più strettamente in casa nostra, per sottolineare, una volta di più che nonostante tutto viviamo in una parte di mondo che offre una qualità di vita decisamente invidiabile.

E colgo l’occasione per ribadire come Chiasso sia sempre di più un comune a misura d’uomo.

La particolarità topografica di Chiasso, nodo di contatto e di scambio fra la Svizzera meridionale e la Lombardia, ne ha determinato la sua fortuna.Attualmente ci troviamo in un’epoca di grandi trasformazioni.Questa difficile situazione economico-finanziaria, ne cambierà l’operatività, ma non riuscirà ad annullare l’importanza del centro di traffici e commerci, di smistamento e di transito. Anche la piazza finanziaria, che costituisce da anni un altro punto di forza di Chiasso, si sta continuamente aggiornando per affrontare le difficili sfide del futuro.

Dobbiamo essere consapevoli che la situazione finanziaria del nostro Comune è divenuta delicata. Finite le sopravvenienze degli anni d’oro, saremo a breve confrontati con un calo delle entrate fiscali. Ciononostante, sono convinto che Chiasso ha ancora diverse carte da giocare anche per quanto concerne l’insediamento di nuove attività legate ai servizi perché, tra l’altro;

–       Chiasso è facile da raggiungere durante tutto l’arco della giornata;

–       Chiasso dispone di locali commerciali a prezzi modici rispetto ad altri centri del nostro Cantone.

Il nostro impegno è quello di migliorare il livello di qualità di vita, per attirare nuovi cittadini e nuove attività, con la relativa creazione di posti di lavoro.Un obiettivo che è perseguito mediante una politica che rifugge dal protagonismo e che predilige il dialogo e la concretezza, nell’interesse non solo della città, ma dell’intera regione, grazie anche all’importante presenza della stazione ferroviaria di Chiasso, che rappresenta sempre più un’importante alternativa al crescente traffico veicolare per molte persone.

Come ogni anno, vi parlo a nome di un gruppo di lavoro, che coinvolge tutti, i rappresentanti politici nei vari consessi comunali, nelle commissioni di quartiere e i cittadini, perché solo con l’impegno di tutti ed un atteggiamento responsabile e collegiale potremo consolidare e migliorare la nostra posizione.

Anche nel 2011 è continuato l’avvicinamento all’obiettivo 8’000 abitanti, che abbiamo quasi raggiunto: è ben visibile che alla gente piace abitare a Chiasso, grazie alle comodità, ai servizi e ai commerci che il nostro Comune offre.

La particolare situazione economica internazionale e conseguentemente anche ticinese, costringe la politica a focalizzare l’attenzione su tematiche quotidiane per risultare più vicini alle necessità del cittadino, senza dimenticare una visione per il futuro con obiettivi a lungo termine.

Come evidenziato nel mio intervento dello scorso anno, il 2011 è stato l’anno delle riqualifiche dei comparti cittadini:

–       L’ultima fase dei lavori di risanamento della pavimentazione di Corso San Gottardo con la posa di un asfalto colorato sul tratto posto tra Piazza indipendenza, via Favre, viale Volta e via alla Stazione, ha concluso il completo ripristino della pavimentazione di Corso San Gottardo, effettuato a più tappe nell’arco del quadriennio cercando di contenere il più possibile i disagi alla popolazione ed ai commerci;

–       Il 4 aprile sono iniziati i tanto attesi lavori di riqualificazione degli spazi pubblici del quartiere Soldini. Le opere consistono nell’asportazione del manto bituminoso, in importanti opere di sostituzione e potenziamento delle infrastrutture tecnologiche sotterranee, nel risanamento parziale delle canalizzazioni e nella riconfigurazione dell’assetto stradale. Globalmente saranno oggetto di rinnovamento circa il 70% di tutte le superfici delle strade interne al quartiere, e la durata complessiva degli interventi sarà di almeno 5 anni.

–       Il 16 maggio hanno preso avvio gli interventi di moderazione del traffico, di messa in sicurezza e di riqualifica di via Odescalchi, via Porta e via Dufour.

Il costo di questi interventi di riqualifica sono preventivati in 13 milioni di franchi.
–       Lo stabile ex-polizia comunale è stato completamente ristrutturato ed i suoi spazi sono ora occupati, oltre che dalla Musica cittadina, anche dagli uffici comunali attivi in campo sociale;

–       Con un intervento di 2.6 mio di franchi sono iniziati, dopo anni di attesa, anche i lavori di ristrutturazione dello stabile ex Pagani;

–       E’ stata portata a termine anche la ristrutturazione parziale di uno stabile della cassa pensione dei dipendenti del Comune sito a Boffalora. Dopo il restyling alla piazza, anche questo comparto presenta ora una cornice rinnovata, a tutto vantaggio della popolazione.

–       Sono stati recentemente pubblicati anche i concorsi per la ristrutturazione dello stabile ex-Coop a Pedrinate, dove troveranno spazio un negozio, un bar e un’agenzia postale. I lavori inizieranno a breve.

–       È stato concesso un credito di CHF 233’000 per un concorso di progetto per la costruzione di un nuovo edificio in cui troveranno posto le aule speciali delle scuole medie di Chiasso, che dovrà sostituire la vetusta “casa Cattaneo”;

–       Diversi sono stati i parchi giochi completamente ristrutturati e messi in sicurezza sul territorio comunale (al Crocione, viale Stoppa, Casa Giardino, Centro giovani, scuola dell’infanzia di Pedrinate e, in sinergia con la parrocchia, quello ubicato in centro Pedrinate).

–       Nel corrente anno è continuata, con successo, l’attività dello sportello giovani a favore dei giovani confrontati con difficoltà nella ricerca di un’occupazione (l’impegno del Comune in favore dell’inserimento in stage, apprendistati o attività lavorative sta riscontrando un buon successo e ci sono Comuni che intendono seguire il nostro esempio).
–       E’ stata riproposta con successo l’iniziativa di effettuare degli stage lavorativi di una settimana presso l’amministrazione comunale per gli allievi di terza e quarta media di Chiasso; sono stati oltre settanta le ragazze ed i ragazzi che vi hanno aderito (quasi il doppio della prima edizione).

–       I risultati della fase pilota hanno dimostrato la validità del progetto Midnight Sport Chiasso (l’apertura al sabato sera fino alle 23.00 della palestra comunale ai ragazzi dai 13 ai 17 anni) con la partecipazione di quasi 100 giovani ogni settimana. Il Municipio ha quindi deciso di proseguire con una fase annuale del programma con 32 serate di attività durante l’anno scolastico 2011/2012.

–       Le offerte della Chiasso Card sono state ampliate e spaziano ora dagli impianti sportivi, al campo della cultura e dello svago, come pure a numerosi commerci e fornitori di servizi attivi sul territorio. Dal 2011, infatti, i detentori della Chiasso Card possono beneficiare di sconti anche sull’entrata alle strutture del Centro Culturale di Chiasso, ovvero m.a.x museo, Spazio Officina, Cinema Teatro e Sala Diego Chiesa; inoltre, grazie all’iniziativa dell’Associazione Promovimento Economico (APEC), numerosi commercianti e fornitori di servizi di Chiasso hanno aderito con entusiasmo all’iniziativa Chiasso Card, offrendo ai suoi possessori riduzioni sugli acquisti nei loro negozi e sul costo delle loro prestazioni. Nel 2011 sono state più di 2’000 le Chiasso Card rilasciate: un’ottima base di partenza.

–       Oltre all’ampliamento della Chiasso Card, l’Associazione Promovimento Economico di Chiasso che opera in collaborazione tra pubblico e privato allo scopo di promuovere e migliorare l’immagine della città e renderla maggiormente attrattiva per chi intende insediarvi una propria attività o eleggerla a dimora, ha promosso:-

a)    un’indagine sull’immagine di cui gode la città di Chiasso;

b)    un video di presentazione della cittadina – presente sul sito del Comune di Chiasso dal quale emerge un suo spaccato quale centro di traffici e commerci, di smistamento e di transito, oltre che di seconda piazza finanziaria del Cantone;

c)     l’implementazione di un vocalizzatore per il proprio sito internet. Un’applicazione assolutamente all’avanguardia, che permette di convertire – in modo automatico e istantaneamente – ogni testo presente nel sito internet.

d)    vari annunci sotto lo slogan “Chiasso c’è” che riguardavano promozioni immobiliari, le serate di cinema all’aperto e l’apertura della piscina comunale;

e)    l’apposizione di adesivi con lo slogan “Chiasso c’è” su un centinaio di camion dei trasportatori chiassesi allo scopo di promuovere la città di Chiasso anche la di fuori dei confini nazionali. Recentemente è stato chiesta l’autorizzaione di posare questi adesivi anche sui trasporti pubblici;

f)     il progetto totem attività commerciali che verranno posati su Corso San Gottardo in presenza di strade collaterali. La segnaletica verrà posata nel corso del 2012. Lo scopo è quello di far conoscere i commerci che non si trovano direttamente su Corso San Gottardo.

–       Per l’anno internazionale della foresta, i boschi della Rovagina hanno ospitato “La fiaba nel bosco” sapientemente organizzata da Andrea Guglielmetti e dai suoi collaboratori, che è stata visitata da ben cinquemila persone in un mese e mezzo; un risultato che è andato ben oltre le più rosee aspettative. Desidero qui ringraziare tutti gli enti e i volontari che hanno sostenuto e reso possibile questo particolare evento.

–       Il riconoscimento della cittadinanza onoraria da parte del Comune di Chiasso è un atto importante, confermato dall’estrema rarità e parsimonia con cui viene conferito anche negli altri Comuni del Canton Ticino: il 1° agosto, nel contesto della celebrazione della festa nazionale, è stata conferita la cittadinanza onoraria di Chiasso al colonnello americano Joseph Mc Divitt a corollario dell’importante rivisitazione de “I fatti di Chiasso” di cui abbiamo degnamente onorato il 65. nel corso del 2010. Ricordo con piacere che il Comitato organizzativo della manifestazione ha anche ottenuto il “Premio Lavezzari” 2010.

Il mio intervento odierno in occasione dello scambio

Il mio intervento odierno in occasione dello scambio degli auguri, è l’ultimo della legislatura corrente.

Per me è stato interessante mettermi a disposizione della popolazione ogni giovedì pomeriggio, per quattro anni: 145 mezze giornate messe a disposizione di 640 persone, una media di 36 pomeriggi e 160 persone all’anno. Durante questi incontri ho potuto ascoltare le loro preoccupazioni, i loro desideri e i loro auspici, ho visto persone disperate piangere e chiedere aiuto, come pure persone felici e sorridenti, che mi hanno portato proposte, iniziative, suggerimenti. E’ stata un’esperienza umanamente molto gratificante.

Fra i molti temi che mi sono stati sottoposti, ricordo la ricerca di una soluzione per l’inserimento di un nuovo supermercato nel quartiere Soldini (il più popolato del nostro Comune). Sono particolarmente soddisfatto di aver contribuito a raggiungere un  risultato tangibile in favore della nostra popolazione.

Il 2011 è stato anche anno di elezioni cantonali e federali.

Mi soffermo in particolare sulle elezioni federali rilevando con piacere che il nostro Comune ha di nuovo un rappresentante in Consiglio Nazionale nella persona della vicesindaco Roberta Pantani Tettamanti, che sicuramente porterà la voce di Chiasso nella capitale federale.
Il 1° aprile 2012 si terrà il rinnovo dei poteri comunali.

Molti i temi importanti, oltre a quanto già programmato ed in esecuzione. Nuovi progetti sia di sistemazione del territorio ma anche il rilancio del discorso “aggregazioni” che, dopo un giudizio popolare inequivocabile del 2007, dovrà essere ripreso con il giusto coinvolgimento ed un sano realismo.

Da parte mia desidero ringraziare tutti i colleghi di Municipio, i Consiglieri comunali, i membri delle commissioni di quartiere, come tutti coloro che hanno partecipato a enti e consorzi delegati del nostro Comune.

Ai colleghi che si ripresentano per un ulteriore mandato formulo i migliori auguri per una rielezione, al collega Rigamonti che lascia la carica vanno i ringraziamenti per l’attività svolta in seno all’Esecutivo. Un grazie anche alle consigliere ed ai consiglieri comunali che pure hanno deciso di non ricandidarsi.
Auguro ai partiti di saper trovare donne e uomini motivati, disposti a mettere a disposizione il proprio tempo libero a favore della nostra Chiasso e delle sue istituzioni.

Come ogni anno, desidero ringraziare tutti i volontari per l’impegno da loro profuso nelle più svariate attività. Ribadisco come il volontariato sia una forza inestimabile ed insostituibile della nostra società.

Tra pochi istanti verrà attribuito a Ferdinando “Puci” Riva il premio al merito sportivo 2011 della Conferenza dei presidenti della società sportive di Chiasso. Fulgido esempio di serietà. Sportivo con la S maiuscola, estroso all’inverosimile, caratterizzò per lungo tempo il calcio chiassese e svizzero. Spero vivamente che i numerosi giovani presenti in sala possano seguire il suo esempio in favore del vero sport.

Ringrazio la Musica Cittadina per la sua presenza dinamica ed innovativa e per le belle emozioni che riesce sempre a suscitare con le sue interpretazioni. L’interessante aumento del numero dei suoi musicisti e l’evoluzione della giovane banda, che si è esibita con successo in occasione dell’accensione dell’albero di Natale nella piazza del Municipio, testimoniano l’impegno del Maestro e l’intraprendenza del comitato e del suo Presidente.

Un rinnovato e sempre meritato ringraziamento lo rivolgo all’amico – inimitabile ed insostituibile – arch. Paolo Zürcher, presidente della Conferenza delle società sportive di Chiasso.

Il mio personale auspicio per il 2012 è il seguente:

Facciamo in modo, tutti assieme, che questo sia sì un anno di confronto, ma anche e soprattutto di collaborazione e di partecipazione, con una visione positiva e costruttiva e che abbia una priorità condivisa: lavorare e adoperarsi per il bene del nostro Comune e dell’intera regione.

Vi ringrazio per l’attenzione e auguro a tutti un 2012 ricco di salute, prosperità e serenità.

Moreno Colombo

8.01.2012

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: