Riflessione elettorale (politic e giuvin l‘è grama e va disi ul parchè!)

“Da anni mi occupo di elezioni comunali a livello di informazioni fornendo con piacere “ai novelli” candidati delle nozioni di base, ma anche dei brevi corsi di Legge Organica Comunale, essendone stato anche il relatore di numerose modifiche legislative.
Purtroppo questo virus in corso sta sminuendo l’interesse della nostra popolazione in un esercizio che è sempre stato, in Ticino, molto sentito, ne parla anche la storia (I fatti di Stabio, ma non solo…)!
In Ticino il candidato ideale oggi potrebbe essere il dr. Merlani, mi spiace citarlo in questo mio pensiero, perché quotidianamente ci sta aiutando nelle informazioni e nei comportamenti e noi cittadini attenti lo ascoltiamo con interesse e provvediamo alle misure indicate, ci mancherebbe oggi è prioritario!
Nel frattempo, tra pochi giorni riceveremo la scheda elettorale e casa e con un certo rammarico, mancano gli incontri, i dibattiti (a parte quelli a televisione che riguardano soltanto i 4 poli – quest’anno Chiasso è stato escluso, dopo tanti anni, chissà perché, ma intanto nessuno avrà reclamato!) e serate tematiche (ambiente, socialità, territorio, fiscalità, ecc….)
Fin qui tutto bene diremmo …. ci mancherebbe!!!
È sicuramente prioritaria la salute di ogni singolo cittadino e della nostra popolazione, in modo particolare di quella più debole, di quella più sensibile!
Quindi nessun panico, ma osserviamo quotidianamente le nuove disposizioni e le indicazioni fornite dalle autorità e dal dr. Merlani!
Anche se, personalmente, le scuole andrebbero chiuse e due settimane con l’entrata dei soli dipendenti sanitari dall’Italia, potrebbero essere misure incisive!!!

La nota negativa di tutto ciò ed il rammarico:
è che i volti nuovi, le persone che si sono avvicinate, magari anche timidamente alla vita pubblica, per amore del proprio Paese ed in modo particolare I NOSTRI GIOVANI avranno pochissime possibilità di farsi conoscere e soprattutto di far sapere le proprie idee.
I social saranno importanti ma il colloquio tra persone, lo scambio di idee, talvolta l’espressione e lo sguardo, sono importantissimi ed hanno un valore : per sempre!

Pertanto verosimilmente i volti nuovi si troveranno dopo il 5 aprile 2020 tra i subentranti – (questo aspetto, naturalmente dovrà essere ancora verificato) – e mi spiace veramente per loro, diversi nuovi volti e competenti candidati potrebbero essere delusi e sfiduciati ma noi (la popolazione) ha bisogno di loro, come faremo a consolarli e a far sì che il loro impegno verso il Paese possa venire meno?

Ci sto pensando…..ma mi viene da dire: DICIAMOLO LORO PRIMA E’ UNA PROVA DI ONESTA’ VERSO LA LORO DISPONIBILITA’!”

Moreno Colombo#nonsonoinlista

Legittima difesa : un’occasione persa per il PLRT

Il comitato cantonale del PLRT ha deciso ieri sera di invitare i cittadini a votare contro l’iniziativa popolare intitolata “Le vittime di aggressioni non devono pagare i costi di una legittima difesa” , perdendo così un’ulteriore occasione per dimostrare di essere sensibile alle esigenze dei cittadini e in particolare dell’elettorato del PLRT. Decisione presa senza confronto tra le parti.

Evidentemente la stangata delle recenti elezioni federali, e successive riflessioni sul futuro del partito e sulla necessità di ascoltare maggiormente la popolazione, non hanno insegnato niente, proprio nulla!

Sono infatti convinto che l’iniziativa sarà accolta dalla popolazione e che la stessa sarà sostenuta anche da moltissimi elettori del PLRT, in quanto , come ha scritto l’ex-deputato PLR Franco Celio su la Regione del 21 gennaio scorso , “ contro la stessa vengono sollevate solo obiezioni che appaiono piuttosto pretestuose”. Personalmente, avevo deciso a suo tempo di entrare a far parte del comitato promotore di questa iniziativa anche perché, come ex-sindaco di Chiasso, avevo captato le preoccupazioni dei miei concittadini per la crescente violenza degli episodi delinquenziali al di là e al di qua della frontiera, e ritenevo corretto che fosse lo Stato – quale responsabile della sicurezza nel territorio – a coprire integralmente  i costi processuali e dell’avvocato di fiducia delle persone assolte per reati commessi in stato di legittima difesa.

Queste persone infatti sono doppiamente vittime perché oltre a doversi difendere da furti o da soprusi, anche solo ferendo i loro aggressori, devono anche subire una lunga e costosa procedura giudiziaria dall’esito incerto. Ecco, le persone elette nei vari consessi dovrebbero ricordarsi di essere i rappresentanti del Popolo, e dovrebbero imparare ad ascoltarlo di più.

Moreno Colombo (copromotore PLR dell’iniziativa)

#nonsonoinlista

http://www.morenocolombo.ch