NO ALLA 5 REVISIONE AI

Sono contrario alla 5. revisione AI per diversi motivi:
  • la 5. revisione come proposta non può risanare i conti dell’AI e il Parlamento finora si è rifiutato di entrare in materia di un risanamento effettivo (aumento dell’IVA o del contributo sui salari)
  • ciononostante la 5. revisione prevede risparmi per oltre 300 milioni sulle spalle delle persone più deboli, ciò che è criticato anche dall’OCSE in quanto in contropartita non è previsto nessun impegno o incentivo serio per i datori di lavoro
  • parte dal presupposto che molte persone che ricevono una rendita hanno abusato dell’AI invece ad abusarne sono state sia la Confederazione e le sue ex-regie, sia le aziende private utilizzandola come sistema a buon mercato per non assumersi la responsabilità sociale delle loro ristrutturazioni
  • sbandiera l’integrazione professionale come obiettivo, ma non è in grado di offrire nemmeno un posto di lavoro per persone con andicap. JOB-passerelle, il progetto appenda lanciato dall’UFAS e dal padronato è condizionato all’approvazione della revisione, quindi si dimostra di non voler una reale integrazione, che costituisce secondo me l’unica via per risanare veramente questa importante assicurazione sociale sul lungo periodo.
  • trasferisce i costi sui Cantoni, sui Comuni e sulle Casse malati, per cui non risolve assolutamente nulla.
Per questo ho aderito come co-presidente al Comitato ticinese contro la 5. revisione AI.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: